7 regole di Bon Ton

Come nei Sogni Wedding Planner di Torino

 

Eccomi al consueto appuntamento settimanale, oggi:

7 regole del Bon Ton

per organizzare il tuo matrimonio

 

 

  • Inviti e partecipazioni. Fino a pochi anni fa erano i genitori che partecipavano le nozze dei figli. Oggi sono direttamente gli sposi che annunciano in prima persona le loro nozze e, nel caso ci siano dei figli, saranno questi ultimi ad annunciare il matrimonio di mamma e papà. A prescindere dalla forma preferita, ti ricordo che gli indirizzi sulle buste devono essere scritti a mano evitando i titoli accademici.

wedding planner torino

  • Gioielli.  La sposa può scegliere se indossare una parure composta da orecchini e collana o solo uno dei due. Non indosserà l’orologio e nemmeno braccialetti, le sue mani saranno libere per accogliere la fede. Solo dopo la cerimonia, se vuole, potrà indossare l’anello di fidanzamento nella mano destra. Lo sposo potrà avere l’orologio e i gemelli.

 

  • Celebrazione. La sposa potrà avere un leggero ritardo, massimo 15 minuti, questo serve a far si che tutti gli ospiti, al suo arrivo, siano seduti al loro posto evitando stuoli di persone che si affannano ad entrare durante il suo ingresso. Meglio arrivare puntuali in caso di cerimonia civile, spesso la sala è a vostra disposizione per un tempo minore e potreste creare disguidi ai matrimoni che verranno celebrati dopo il vostro.

  • Banchetto Nuziale. La distanza tra il luogo dove viene celebrato il rito nuziale e quello dove gli ospiti riceveranno parenti e amici dopo non deve essere troppo lontano, dovrà iniziare ad un orario accettabile e non si fanno attendere gli ospiti con servizi fotografici eterni. Si devono prevedere soluzioni per chi ha esigenze alimentare particolari e gli ospiti non dovranno tardare nel comunicare la loro presenza o meno alle nozze. Anche la festa non è bene si protragga troppo, il confine tra un bell’evento e uno che diventa stancante è davvero molto sottile. La giornata si concluderà con il tradizionale taglio della torta e l’eventuale lancio del bouquet.

 

  • Bomboniere. Rappresentano un omaggio fatto ai propri invitati per ringraziarli della loro presenza e nelle confezioni insieme al piccolo dono vanno inseriti confetti, in numero dispari, perché segno di indivisibilità, a scelta tra 5 (come i valori fondamentali del matrimonio quali salute, fertilità, ricchezza, lunga vita e felicità), 3 (come i pilastri della famiglia l’uomo, la donna e il figlio), oppure 1 (che rappresenta l’unicità dell’evento). Insieme ai confetti va inserito un bigliettino con i nomi degli sposi e la data del matrimonio. Si prepareranno anche dei sacchettini con i soli confetti ed il bigliettino da omaggiare a chi non è stato invitato alle nozze ma ha avuto comunque un pensiero per gli sposi.

wedding pla

  • Regali e lista nozze. I regali non vanno mai esplicitamente chiesti dagli sposi i quali potranno però prevedere una o più liste nozze per agevolare gli invitati nella scelta del dono. Il bigliettino della lista nozze non andrà mai inserito nell’invito ma consegnato agli invitati solo su esplicita richiesta. Mai chiedere, esplicitamente o velatamente, denaro agli ospiti ne tanto meno utilizzare formule nell’invito che alludano ad una richiesta di regali in denaro.

 

  • Biglietti di ringraziamento. Sono  l’ultimo tassello di un matrimonio organizzato davvero con stile e nel rispetto delle buone maniere: vanno inviati dopo il matrimonio e preferibilmente scritti a mano.

 

Se ti è piaciuto l’articolo condividilo sui tuoi social e torna a trovarmi tutti i venerdì, a presto

Barbara

Contattami

  • Informativa Privacy
  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

Pin It on Pinterest

Condividi questo articolo

Condividi questo articolo con i tuoi amici