Quando la sposa è timida

 

Sei una sposa timida e riservata?

Non ami essere al centro dell’attenzione?

Questo articolo è proprio per te!

 

Non tutte le spose amano essere al centro dell’attenzione, alcune si sentono a disagio al solo pensiero, il matrimonio dovrebbe essere un giorno gioioso e potrebbe trasformarsi in un calvario, se la sposa è tormentata da questo tipo di ansia.

Ecco i consigli della Wedding Planner di Torino Barbara, per le spose che non amano essere al centro dell’attenzione:

  • Pochi ospiti. Non è necessario invitare tutti: scegli con cura chi vuoi che sia davvero presente al tuo matrimonio, limitando la tua lista, alle sole persone con le quali vuoi condividere questo importante momento della tua vita.
  • Scegli un’amica con cui affrontare i preparativi fino all’ingresso; deve essere una persona in grado di darti tranquillità non una che aumenti la tua ansia. Per questo motivo, mamma e sorella, in genere, non sono le persone più indicate.
  • Scegli un fotografo esperto in reportage, in modo da non accorgerti della sua presenza, riuscirà a immortalare i momenti più belli del tuo matrimonio senza essere invadente e costringerti a pose innaturali. Invita gli ospiti a non assillarti con la richiesta delle foto in posa con loro,  e invitali a non pubblicare on line le foto del tuo matrimonio.
  • Concentrati su tuo marito, questo è il vostro giorno, resta concentrata su di lui e non pensare alle persone che vi circondano. I tuoi ospiti sono li per gioire con te e il tuo sposo e tu, sei esattamente dove devi essere e, un pizzico d’ansia, è normale che ci sia.

 

 

Un’altra cosa che puoi fare per sentirti più a tuo agio e meno al centro dell’attenzione è eliminare, una serie di consuetudini, che potrebbero starti strette quindi:

Taglia!

Cioè, riduci all’essenziale alcuni momenti del tuo matrimonio:

  • Addio al nubilato. Non è necessario che le tue amiche ti mettano al centro dell’attenzione delle persone che non ti conoscono, puoi tranquillamente evitare: velo, fasce con scritte con sono la sposa e altri accessori troppo evidenti, in questo modo potrai vivere la tua serata in perfetto “anonimato”.
  • Pochissime persone a casa tua la mattina del matrimonio:  è più che sufficiente una persona che ti aiuti a vestirti, il fotografo e la make up artist.
  • L’ingresso in pompa magna. Puoi chiedere al tuo sposo di attenderti all’ingresso e percorrere con lui la navata.
  • Niente primo ballo degli sposi da soli, potete aprire le danze tutti insieme, al massimo ballerete da soli le prime note per poi essere circondati dagli altri invitati. In alternativa potete imparare una coreografia con i vostri amici, questo smorzerà molto l’effetto di essere solo tu e il tuo sposo al centro dell’attenzione.
  • I discorsi che inevitabilmente ti mettono al centro dell’attenzione e a volte risultano persino noiosi
  • Taglio della torta da soli, in fondo per anni i fotografi e i ristoratori erano soliti farlo fare quasi in sordina, mentre gli ospiti erano occupati con il buffet dell’aperitivo; puoi ripristinare questa tradizione, a te, lo concedo.
  • Avvisa i tuoi ospiti che le goliardate quali: richieste di baci degli sposi, tovaglioli che sventolano o altro non sono gradite, se ti conoscono sapranno capire e rispettare il tuo desiderio.
  • Non lanciare il bouquet; donalo alla tua amica single, in alternativa puoi ripristinare una tradizione Italiana, fartelo confezionare con tanti piccoli mazzolini che consegnerai alle tue amiche single.

 

Non è necessario tagliare tutto, solo quello che pensi che potrebbe farti sentire a disagio:

puoi sempre cambiare idea!

Potresti scoprire, che essere al centro dell’attenzione non è così spaventoso. 

Se hai bisogno di aiuto,  il supporto di una wedding planner serve anche a questo: siamo perfettamente in grado di supportare l’ansia di una sposa e gestire l’irruenza di qualche invitato quindi non esitare a contattarmi.

Contattami

  • Informativa Privacy
  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

 

 

 

 

 

 

 

Pin It on Pinterest

Condividi questo articolo

Condividi questo articolo con i tuoi amici